Dario Buccino

ITA / ENG

Dario Buccino (1968) è un compositore, performer, didatta e progettista di strumenti musicali. 

Ha studiato composizione al Conservatorio di Milano con Irlando Danieli, Adriano Guarnieri, Sandro Gorli, musica elettronica con Alvise Vidolin e analisi musicale con Gianmario Borio alla Civica Scuola di Musica di Milano. La sua formazione comprende studi nel campo del teatro, del cinema e delle arti performative

Nei primi anni Novanta ha sviluppato il Sistema HN®, un sistema musicale basato sulla parametrizzazione dei processi performativi corporali e mentali.

Nel 1994 è stato invitato come docente agli Internationale Ferienkurse für Neue Musik di Darmstadt per presentare il Sistema HN.

Le sue opere uniscono composizione, performance art e installazione sonora, sono state commissionate da musicisti come Oscar Pizzo, Marco Rogliano, Mirko Jevtović, Dejana Sekulić, SISU Percussion Ensemble, Ars Ludi, Bernhard Wulff e sono state presentate presso festival internazionali e istituzioni quali il Teatro La Fenice di Venezia, il festival Milano Musica, l'Impuls Festival di Graz, il festival JazzMI di Milano, il festival 1000 Beats a Palermo, lo Hessisches Landesmuseum di Darmstadt, il Teatro Franco Parenti di Milano, il Teatro Manzoni di Milano, l'Auditorium Parco della Musica di Roma, il festival Fabbrica Europa di Firenze, Curva Minore di Palermo, il festival Transart di Bolzano, l'Istituto Italiano di Cultura di Stoccarda, il Beijing Comedy Theatre di Pechino, l'Oriental Arts Center di Shanghai. 

Ha tenuto seminari, laboratori e masterclass presso il Conservatorio di Milano, il Conservatorio di Trapani, L'Università Roma Tre, L'Università di Palermo, L'Università IULM di Milano, l'Università Professionale SUPSI di Lugano, il Politecnico di Milano.

Ha creato le Percussioni HN®, una famiglia di strumenti musicali che coinvolgono l'intero corpo del performer nella creazione sonora.

Ha fondato e dirige l'Ensemble HN, specializzato nell'esecuzione delle composizioni scritte con il Sistema HN.

Compone anche per il cinema, il teatro, la danza. Ha lavorato come compositore e interprete in produzioni shakesperiane con il Teatro Stabile di Torino, ha collaborato con il CSC Centro Sperimentale di Cinematografia di Palermo, con registi come Giovanni Maderna e Leo Muscato, con artisti come Ale e Franz, e con musicisti della scena jazz e rock come Vinicio Capossela, Stefano Edda Rampoldi e Marco Parente. Si dedica alla forma canzone, ha vinto il primo premio di Indaco Cantautori attribuitogli da Luis Bacalov, Giorgio Calabrese, Gianfranco Reverberi e il suo album “La costrizione della nudità” è stato selezionato come Migliore Opera Prima al Premio Tenco. Lavora anche come artista di strada.

Il suo lavoro è oggetto di pubblicazioni musicologiche, tesi di laurea e film documentari.